Redazione

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam eaque ipsa, quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt, explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem, quia voluptas sit, aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos, qui ratione voluptatem sequi nesciunt, neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum, quia dolor sit, amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt, ut labore et dolore magnam aliquam quaerat voluptatem. Ut enim ad minima veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur?

  1. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  2. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  3. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  4. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  5. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  6. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus

 

 

http://www.innovazionesupplychain.it Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

GUARDA IL VIDEO

 

bottone1 


 

VISIONA GLI ATTI DEGLI SPONSOR

BD ROWA 

TREND FUTURI E AUTOMAZIONE BD ROWA™ PER L’ECOMMERCE

bottone1

Relatore: Daniele Tomasello, Key Account Manager PDC | BD Rowa™ Italy

 


LCS

 SOLUZIONI PER L’E-COMMERCE: SORTER DI SMISTAMENTO DALLE ELEVATE PERFORMANCE
Breve introduzione al Gruppo con focus sulle soluzioni di LCS SPA

2 iMilani 

Relatore: Roberto Natali, Senior Sales Engineer | LCS SpA


 ICAM 

LO SPAZIO INTELLIGENTE PER LA LOGISTICA DI PROSSIMITÀ

3 Genegis

 

PETINO

  

Relatori: Elisa Birelli - Retail & City Logistics Manager | ICAM S.r.l.
                              Francesco Petino - Master Coordinator del network | Rino Petino

La presente documentazione è protetta dalle norme sui diritti d’autore e nessuna parte può essere riprodotta con l’ausilio di qualsiasi supporto, integralmente o parzialmente, senza esplicito consenso preliminare da parte dei relatori o delle relative aziende.

Iscrizione evento

Gennaio 13, 2022

evento logistica iscr

 

Compila il form per iscriverti gratuitamente all'evento, riceverai un'e-mail di conferma.

 

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

GUARDA IL VIDEO

bottone1 

VISIONA GLI Atti degli Sponsor

PTV Group 200 

UN NUOVO PARADIGMA PER L’ INTRALOGISTICA

bottone1

Relatore: Paolo Fanelli – Sales  manager | ALASCOM

 


GEP 200


CASSETTE E CONTENITORI SPECIFICI PER LOGISTICA ED INTRALOGISTICA

2 iMilani 

Relatore: Gianluca Marzano – CEO | iMILANI

 

GENEGIS 200 

AUTOMAZIONE E INNOVAZIONE A PORTATA DI MANO

3 Genegis

Relatore: Carlo Castoldi - Sales Engineer | AUTOMHA

La presente documentazione è protetta dalle norme sui diritti d’autore e nessuna parte può essere riprodotta con l’ausilio di qualsiasi supporto, integralmente o parzialmente, senza esplicito consenso preliminare da parte dei relatori o delle relative aziende.

 

Abbiamo più volte sottolineato che parlare del magazzino eccellente senza inserirlo in un contesto di Supply Chain potrebbe risultare riduttivo o, quanto meno, limitato in un ambito di mero efficientismo.

Possiamo affermare che non esiste (o quasi) un'Azienda moderna e competitiva, sia essa di produzione o solamente commerciale, che non abbia scambi con l'estero per approvvigionamenti e/o vendite; per questo motivo il magazzino deve definire il suo ruolo e il livello delle prestazioni in relazione alle caratteristiche della filiera in cui si inserisce in termini di livello di servizio, marginalità, ambito competitivo, prospettive di sviluppo, canali distributivi e quant'altro la contraddistingue.

Il primo fatto innovativo nel pensare al magazzino è proprio quello di anteporre allo studio e definizione di processi e tecnologie l'individuazione delle peculiarità competitive che lo dovranno caratterizzare; si dovranno così compiere delle scelte strategiche per quanto concerne, tra l'altro, il delivery time, la flessibilità operativa, l'approccio all'automazione, l'interesse per l'outsourcing (totale o parziale) e, non ultimo, il rapporto etico con il territorio dove si opera.

A questo punto, si potrà individuare il posizionamento, il ruolo del magazzino nel network distributivo, la funzione e la relativa dimensione, sia che si stia analizzando il tema dei prodotti finiti sia che si tratti di un magazzino di fabbrica.

Chiariti questi aspetti, si dovrà effettuare un ulteriore passo innovativo decidendo con quali risorse si vorrà affrontare il progetto; la risposta sarebbe abbastanza semplice se si volesse semplicemente "copiare" come vengono effettuati i progetti nei paesi più avanzati e conseguentemente più innovativi: formare un team professionalmente valido, possibilmente con un ampio spettro di competenze, in ambito magazzino ma anche nella Supply Chain e in altri campi trasversali (sicurezza, ergonomia, finanza, etc.), che conosca bene la realtà aziendale (il middle e top management) e che abbia ampia neutralità nei confronti di condizionamenti ambientali e commerciali (una società di consulenza specializzata). Con questo schema è possibile sviluppare un progetto che si basa su un metodo affidabile e professionale e anche sull'impiego di strumenti avanzati di analisi e di progettazione.

L'innovazione in magazzino può essere realizzata attraverso la profonda revisione dei processi operativi avvalendosi in modo più o meno estensivo della tecnologia, informatica e/o di material handling.

In molti magazzini il progressivo e inesorabile frazionamento degli ordini, sia di produzione sia dei clienti, ha indotto ad aumentare significativamente la movimentazione manuale dei carichi mediante azioni di picking. Per questo motivo l'attenzione ai principi dell'ergonomia e la possibilità di assecondarli con sistemi automatici può spingere verso soluzioni avanzate che, in molti casi, possono avere riscontri anche in realtà aziendali che non sono necessariamente grandi. Analogamente la risoluzione di problematiche relative all'occupazione del suolo e al contenimento energetico possono favorire l'impiego di magazzini automatici ad elevato sviluppo verticale e, a questo riguardo, possiamo riscontrare una maggiore disponibilità nei regolamenti edilizi per la realizzazione di magazzini oltre i 25 metri di altezza, compatibilmente col contesto paesaggistico e architettonico in cui si inseriscono.

L'innovazione nel magazzino passa, per prima cosa, nella precisa identificazione delle peculiarità che deve possedere, per permettere all'azienda di mantenersi in modo competitivo e profittevole nel suo mercato, nell'approcciare la sua progettazione in modo professionale, nel saper dosare sapientemente innovazione tecnologica e miglioramento continuo.