Redazione

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam eaque ipsa, quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt, explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem, quia voluptas sit, aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos, qui ratione voluptatem sequi nesciunt, neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum, quia dolor sit, amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt, ut labore et dolore magnam aliquam quaerat voluptatem. Ut enim ad minima veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur?

  1. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  2. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  3. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  4. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  5. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus
  6. Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus

 

 

http://www.innovazionesupplychain.it Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

LAC Consulting ha partecipato come Sponsor dell'evento gratuito organizzato da LogisticaEfficiente a Milano il 28/06/2016

La talk si focalizzerà sugli aspetti strategici e sulle leve d'azione che possono essere oggigiorno adottati per ottimizzare la configurazione e l'operatività dei sistemi logistici industriali.

Un sistema logistico industriale è per sua natura un sistema dinamico e complesso, che ha l'obiettivo di realizzare la soddisfazione puntuale del cliente finale eseguendo in modo efficiente, rapido e coordinato un insieme di attività di natura organizzativa ed operativa distribuite su diversi attori che formano una filiera. Le attività lungo tale sistema sono triggerate da un flusso di segnali (flusso informativo), che nasce dal cliente finale e si propaga a ritroso risalendo la filiera, generando, quindi, il flusso fisico di beni che vengono prodotti, gestiti e via via inoltrati verso il cliente stesso.

Se, da un lato, gli ultimi decenni hanno visto una crescita esponenziale delle potenzialità dei sistemi informativi e delle infrastrutture digitali al punto da poter gestire in modo efficiente qualsiasi complessità del flusso informativo, dall'altro lato, questa accresciuta potenzialità unita all'evoluzione del contesto economico e delle aspettative del cliente finale sta rendendo sempre più complessa la configurazione e la gestione dei flussi fisici che, sviluppandosi nel mondo reale (e non in quello digitale), continuano a fare i conti con le leggi della fisica.

La talk svilupperà in primo luogo una breve analisi dell'evoluzione del contesto economico e di mercato in cui oggigiorno ci si trova ad operare, evidenziando gli elementi che rendono critica la gestione e la configurazione dei moderni sistemi produttivi e logistici. Il discorso affronterà poi la tematica dell'analisi di prestazione dei flussi evidenziando le complessità generate dall'accresciuto livello di variabilità, derivando altresì le principali relazioni che esistono tra capacità del flusso, tempo di risposta e scorte nel flusso stesso.

Tali concetti saranno poi calati nei contesti produttivi e logistici. Per il primo saranno analizzati aspetti di Lean Manufacturing avanzata, incentrando il discorso sulla sempre più crescente necessità di realizzare flussi produttivi efficienti e veloci anche in presenza di una crescente richiesta di personalizzazione dell'ordine cliente, e quindi con una tendenza sempre maggiore a frammentare i flussi. Per il contesto logistico ci si concentrerà sull'evoluzione verso cui si stanno muovendo le filiere distributive in merito alla complessità di gestione e di esecuzione delle attività di preparazione ordine.

La presentazione volgerà, poi, alla sua parte conclusiva derivando le principali strategie da adottare per la configurazione e la gestione ottimale dei sistemi produttivi e logistici, relazionandosi sia ai requisiti imposti dalle nuove condizioni di marcato che alle nuove opportunità che possono essere aggredite per incrementare la profittabilità e la sostenibilità di lungo periodo del proprio business. Saranno, inoltre, discusse le principali leve d'azione operative e progettuali che possono essere impiegate per allineare i propri sistemi produttivi e logistici alle nuove linee strategiche. In quest'ambito, ci si soffermerà altresì sulle più moderne tecnologie di automazione della logistica che sempre più caratterizzando il futuro ormai prossimo.

http://www.lac-consulting.it/ 


Per rendere la vostra Supply Chain un vantaggio competitivo è fondamentale innovarne i principali processi. Proprio a tale proposito LogisticaEfficiente organizza, a Milano il prossimo 26 giugno 2019, l'evento dal titolo:

L'INNOVAZIONE NELLA SUPPLY CHAIN
Quinta Edizione

All'evento parteciperanno come relatori principali aziende che da anni sono leader nell'ambito della supply chain e importanti testimonial, manager di primarie aziende, che porteranno la loro preziosa esperienza.

Iscriviti!

 20160523 plannet main

Plannet  ha partecipato come Sponsor dell'evento gratuito organizzato da LogisticaEfficiente a Milano il 28/06/2016

È opinione di molti osservatori che il mondo della produzione si trovi oggi alla soglia di un cambiamento profondo, che può assumere i caratteri di una nuova (la quarta) rivoluzione industriale che prevede l'integrazione profonda delle tecnologie digitali nei processi industriali manifatturieri, cambiando pelle a prodotti e processi. In questo scenario, l'introduzione di sistemi avanzati di Supply Chain Planning, scheduling & execution spesso rappresenta "uno dei tasselli" della strategia Industry 4.0.

L'intervento è finalizzato ad approfondire come, nell'attuale scenario di mercato, caratterizzato da una sempre più elevata competizione in tutti i settori industriali:

    • la chiave di volta del successo risiede nell'efficienza dei processi e nell'affidabilità ed efficacia del livello di servizio al mercato
    • e come l'introduzione di tecnologia innovativa e di strumenti software avanzati costituisce uno degli elementi chiave per favorire e supportare la realizzazione di quei cambiamenti di carattere organizzativo e gestionale (re-engineering del processo SI&OP) che consentono alle aziende di migliorare questi indicatori ed in generale tutte le principali prestazioni dei processi logistico-produttivi.

L'introduzione di sistemi avanzati di Supply Chain Planning, scheduling & execution, garantisce importanti risultati sia in termini di riduzione degli stock, grazie ad una pianificazione integrata della domanda e ad una sincronizzazione dei piani di produzione e di approvvigionamento, sia in termini di aumento del livello di servizio (rispetto delle date di consegna promesse ai Clienti). Significativi aumenti della produttività sono ottenuti grazie ad avanzati sistemi di schedulazione a capacità finita, che permettono di ottimizzare le risorse, riducendo drasticamente il tempo complessivo dedicato al set-up. Infine il sistema MES di raccolta dati, monitoraggio real-time e controllo della produzione, contribuisce all'ottenimento di importanti risultati in termini di riduzione degli scarti e delle non-conformità, mentre la condivisione delle informazioni con i terzisti ed i fornitori supporta un flusso rapido ed efficiente dei materiali lungo l'intera filiera produttiva.

Ma quali sono le caratteristiche funzionali e tecnologiche che devono avere questi strumenti per essere adeguati alle nuove sfide ed al raggiungimento degli ambiziosi obiettivi prima descritti ?

Tra queste è importante sottolineare innanzitutto le performance di elaborazione, che devono consentire di pianificare e schedulare i processi produttivi e di approvvigionamento, anche in ambienti complessi (e quindi in presenza di elevate moli di dati) in tempi ridottissimi; questa caratteristica assume un'importanza primaria in quanto l'approccio ottimale alla pianificazione ed alla schedulazione è quello della "simulazione per scenari" secondo logiche "what-if".

Il pianificatore ha bisogno di risposte in tempi brevissimi a tradizionali quesiti, quali ad esempio: "Cosa succede se fermiamo un determinato impianto per la manutenzione nelle prossime settimane ?", "E' sufficiente organizzare lo straordinario delle maestranze in un determinato periodo per garantire le date di consegna promesse ai clienti, o è necessario incrementare la turnistica, e se sì di quanto ?", "Che data possiamo comunicare al Cliente come consegna per quella nuova commessa ?" "Cosa succede se la consegna di quell'ordine di acquisto ritarda di X giorni ?"e così via; per fare ciò, la modalità operativa più adatta è quella di effettuare simulazioni per scenari. Gli scenari elaborati devono poter essere confrontati sia a livello di dettaglio sia attraverso un set di indicatori quali livello di servizio, saturazione, livello scorte, incidenza dei set-up, ... per permettere di assumere le decisioni più opportune a fronte delle diverse situazioni.

Oltre alla rapidità di elaborazione va evidenziato come un sistema avanzato di supply chain planning, scheduling & execution deve:

    • essere in grado di gestire un approccio a capacità finita, ovvero deve essere possibile configurare modelli multi-constraints (riferiti alle principali risorse produttive: macchine, manodopera, attrezzi, materiali, unità di stoccaggio, ...), regole di ottimizzazione e modalità produttive anche molto complesse;
    • fornire strumenti avanzati di diagnosi delle criticità, per indicare al pianificatore in modo rapido e affidabile, attraverso tecniche di drill-down e drill-up, quali risorse (impianti, manodopera, attrezzature, materiali,...) ed in che misura impediscono il raggiungimento degli obiettivi prefissati come ad esempio il livello di servizio programmato (analisi "why-late");
    • mettere a disposizione un'interfaccia grafica user-friendly per poter consultare tutte le informazioni necessarie organizzandole, filtrandole ed ordinandole secondo le diverse necessità;
    • garantire un aggiornamento tempestivo e corretto dell'avanzamento di produzione, attraverso la gestione di devices di raccolta dati di fabbrica eterogenee (PC industriali touch screen, tablet, ...), semplici ed ergonomiche da utilizzare ed attraverso l'integrazione diretta ed automatica con gli impianti/macchine;
    • fornire cruscotti configurabili per l'analisi dei KPI, in modo da mettere a disposizione delle funzioni preposte dati oggettivi, corretti e tempestivi sulle performance di funzionamento della supply chain; già Lord Kelvin nell'800 sosteneva che se possiamo misurare ciò di cui stiamo parlando, sappiamo davvero qualcosa di quel fenomeno; mutuando questo concetto possiamo sottolineare come negli ultimi anni le aziende più strutturate hanno compreso che per competere con successo devono adottare un approccio proattivo basato sul monitoraggio dei processi per verificarne i risultati conseguiti e definire le azioni di miglioramento.

Durante l'intervento saranno analizzati alcuni casi di successo in cui l'implementazione di strumenti avanzati di Supply Chain Planning, scheduling & execution ha permesso il raggiungimento di significativi incrementi delle performance sia in aziende di processo sia in aziende con produzione discreta.

http://www.plannet.it/

20160601 wtransnet main

Wtransnet  ha partecipato come Sponsor dell'evento gratuito organizzato da LogisticaEfficiente a Milano il 28/06/2016 

  1. Come assegnare i carichi ai vettori più idonei
  2. Come gestire ed essere aggiornati sulla documentazione vettoriale
  3. Tracciare in tempo reale le spedizioni affidate ai vettori

La Legge di Stabilità 2015 ha ridisegnato la mappa delle responsabilità solidali che coinvolgono il committente ed il vettore nell'esecuzione di un contratto di trasporto di cose di terzi su strada mediante autoveicoli, al fine di garantire l'affidamento del trasporto a vettori in regola con gli obblighi retributivi, previdenziali ed assicurativi.

Uno dei problemi principale di oggi per le aziende di Logistica e di Spedizioni è quello di monitorare ed essere costantemente aggiornato sulla regolarità dei propri fornitori e di tenersi informati sul loro lavoro operativo

L'obiettivo di Wtransnet è poter dare una soluzione integrata che permette di avere una gestione completa del parco vettoriale esterno. Le aziende di logistica e Spedizioni oggi gestiscono molti fornitori del trasporto ma non sempre hanno la possibilità di avere un'informazione aggiornata su di essi. Prima di assegnare un carico sarebbe opportuno selezionare il vettore più idoneo, per caratteristiche di servizio offerto, per affidabilità e soprattutto per regolarità documentale. La soluzione Wtransnet dà la possibilità di gestire queste informazioni e fornire in ogni momento la lista dei vettori in linea con le esigenze e di comunicare la disponibilità di carico istantaneamente tramite email o app. Questa comunicazione permette al vettore di dare la propria disponibilità immediatamente e di conseguenza ottimizzare i tempi di ricerca di una mezzo disponibile. Una volta eseguito il trasporto sarà possibile avere tutto lo storico di questo trasporto che servirà in futuro per trovare il fornitore più idoneo alle mie esigenze.

Prima di assegnare un carico ad un vettore è importantissimo essere sicuri che il Vettori abbia tutta la documentazione aggiornata e idonea per eseguire il trasporto. Oggi molte aziende gestiscono questa documentazione in archivi cartacei rischiando di perdere i documenti e soprattutto di non essere informati sulle scadenze dei vari documenti. La soluzione Wtransnet dà la possibilità di essere aggiornati in tempo reale sulla documentazione che ciascun fornitore ha in possesso ed eventualmente su quella in scadenza.

Quest'ultima informazione viene comunicata anche al vettore stesso che sarà avvisato che dovrà fornire uno specifico documento in scadenza per poter continuare a fornire il proprio servizio al suo cliente.

L'ultimo passaggio fondamentale nelle gestione del parco vettoriale è la tracciabilità delle spedizioni assegnate ai vettori terzi. La soluzione Wtransnet ha un modulo che permette di dialogare con gli autisti dei vettori attraverso un'applicazione mobile. In questo modo una volta assegnato un carico ad uno specifico fornitore sarà lui stesso a fornire le informazioni relative alla stato delle spedizione. Infatti l'autista del vettore, al momento dell'assegnazione, dovrà seguire dei passaggi informativi partendo dalla presa in carico della merce, al carico del mezzo, fino all'avvenuta consegna. Questi passaggi saranno obbligatori e daranno la possibilità di essere informati sullo stato della spedizione in tempo reale.

Questi passaggi sono fondamentali per essere più competitivi e soprattutto per dare un servizio di altissima qualità ai propri clienti sia in termini di sicurezza sulle spedizioni che ti costante monitoraggio sullo stato della consegna.

http://www.wtransnet.com/it/ 

20160606 tesisquare main

Tesisquare ha partecipato come Sponsor all'evento gratuito organizzato da LogisticaEfficiente a Milano il 28/06/2016

Come gestire le scorte con efficienza, attraverso strumenti collaborativi di ottimizzazione e controllo

La gestione della Supply Chain, inserita in un contesto molto complesso e competitivo, necessita di strumenti semplici nell'utilizzo, ma evoluti per la parte di calcolo e simulazione, che permettano alle aziende di ottimizzare i processi di riapprovvigionamento dei beni.

Gianmario Mollea, Marketing and Sales Manager Linea DCO (Digital, Collaboration & Optimization) di TESISQUARE® parlerà di ottimizzazione e controllo delle scorte, gestite con efficienza attraverso soluzioni software basate sulla collaborazione e sull'integrazione della Supply Chain Estesa, all'evento organizzato da Logistica Efficiente in programma a Milano per il prossimo 28 giugno.

Tali soluzioni sono basate su algoritmi matematici di previsione a supporto delle decisioni, che, interagendo costantemente con i sistemi informativi e sotto la stretta governance di chi deve effettivamente decidere, permettono di raggiungere gli obiettivi di business prefissati.

I benefici del riordino supportato da un sistema di previsione

Attraverso il sistema di CRP (Continuous Replenishment Process) TESI neXt-Reorder è possibile gestire in modo completo il riapprovvigionamento periodico, rafforzando la collaborazione tra i vari soggetti della filiera nei processi logistici e permettendo di concentrarsi sulle eccezioni e sulle situazioni particolarmente complesse (es: il riordino promozionale, il rifornimento in logica cross docking, etc.), grazie ad una gestione completamente automatica del processo.

Nata nel mondo della GD/DO, questa soluzione è oggi adottata anche da numerosi fornitori della GDS per interagire con i propri clienti, poiché permette di conoscere in tempo reale i consumi e i livelli delle scorte delle varie referenze presso i magazzini dei Distributori clienti, ottimizzando il processo di riapprovvigionamento e generando molteplici benefici di filiera tra cui l'incremento delle vendite (grazie ad una maggiore disponibilità dei prodotti), la riduzione dei tempi e dei costi di fornitura/consegna e, non da ultimo, la riduzione delle scorte.

L'integrazione con lo strumento di Demand Planning, TESI neXt-Forecast, permette di ragionare su base previsionale rispetto ad un orizzonte temporale personalizzabile. In questo modo si innesca a livello decisionale un approccio di business orientato non più a "rincorrere" le urgenze e le emergenze, ma a "prevederle" e, laddove possibile, evitarle.

Dopo aver elaborato una previsione di consumo, il sistema calcola infatti il fabbisogno, tenendo conto delle costrizioni logistiche definite nell'accordo quadro tra le parti; il risultato di questo calcolo è una proposta di approvvigionamento che il fornitore invia al cliente, il quale, dopo averla convalidata, restituisce la conferma, che impegna il fornitore per le operazioni di consegna.

I vantaggi derivanti dall'utilizzo di questa soluzione di CRP sono chiari: poiché il fornitore conosce meglio le proprie referenze rispetto ad un distributore, che ne gestisce migliaia differenti, e dispone di notizie complementari pertinenti, grazie a TESI neXt-Reorder è in grado di risalire al dato dei consumi ed ai livelli delle scorte del retailer, in modo tale da permettere un riapprovvigionamento determinato dai consumi reali, con conseguente:

  • incremento delle vendite, grazie ad una maggiore disponibilità dei prodotti;
  • riduzione dei tempi di fornitura/consegna;
  • riduzione dei costi (derivante dalla riduzione delle scorte e dalla possibilità per i fornitori di avviare produzioni su commessa);
  • minore rischio di rottura di stock (promozioni sul Punto di Vendita, problemi di produzione, inefficienze logistiche, ...);
  • ottimizzazione delle previsioni e dei rifornimenti, grazie alla condivisione dei piani tra i partner;
  • gestione più efficiente della trasmissione dei dati tra i partner lungo la supply chain;
  • ottimizzazione della produzione e del trasporto da parte del fornitore.

Altro elemento strategico sempre più importante è la componente di collaborazione tra soggetti delle filiera e la disponibilità di soluzioni semplici e fruibili anche in mobilità.

Proprio per questi motivi le due soluzioni TESI neXt-Reorder e TESI neXt-Forecast, nella loro nuova release, convergeranno in una suite realizzata con tecnologie orientate anche all'utilizzo in mobilità: TESI neXt-Demand diverrà una piattaforma di gestione evoluta della supply chain estesa (dal produttore, al deposito del distributore, al punto di vendita finale) su cui si baseranno le nuove funzionalità e le componenti atte a gestire nuovi modelli di business correlati a processi di approvvigionamento ottimizzati e collaborativi.

https://www.tesisquare.com/